giovedì 19 luglio 2012

Niente nubi all'orizzonte

Le vacanze estive in città continuano alla grande. Calzino e Molletta penso non ne stiano risentendo, complice un piccolo giardino che ci da' la possibilità di vivere all'aperto. Per una famiglia che si è ritrovata all'improvviso ad applicare la più alta forma di downshifting, direi che questo è più di un lusso. E' vero, si può vivere bene con poco, ma a casa Calzini e Mollette mamma e papà su una cosa sono d'accordo. Raggiungeranno la serenità completa solo e quando potranno avere la garanzia di arrivare dignitosamente alla fine del mese.
Nel frattempo io mi chiedo se avrei potuto fare di più per non arrivare al punto di fare la home manager, barcamenandomi fra una collaborazione e l'altra. 
Applicare il downshifting significa essere oculati sui consumi, sul vestiario, sul fare la spesa. Con due nanetti al seguito l'impresa non è semplicissima, ma casa Calzini e Mollette ha familiari che, seppur lontani, aiutano a completare il cambio di stagione, mentre io provvedo a riciclare tutto il possibile. 
Poco male. Non mi lamento e ho superato la fase del piagnucolo inutile e poco produttivo.
C'è stato un tempo in cui tutto ci è crollato addosso, con  la consapevolezza che niente sarebbe stato come prima. E allora capita che ti aggrappi a chi ti sta intorno semplicemente perchè hai paura e non vedi vie d'uscita. Esistono, solo che tu hai il cervello offuscato da una miriade di problemi. 
Come faremo ad  andare avanti? Cosa ci inventiamo per rimetterci in pista?

Interrogativi che ci hanno accompagnato per non so quante notti, tante davvero, questo lo ricordo bene. 
Poi, arrancando qua e là, mese per mese, abbiamo scoperto che questa per noi era una sfida che dovevamo vincere a tutti i costi.  L'ennesima.
La prima, superata, è stata quella di diventare genitori  prima ancora di formarci come coppia. 
Io e il marito siamo diventati mamma e papà quando eravamo agli inizi della convivenza e siamo d'accordo sul fatto che l'amore sconfinato per i  nostri figli ci tenga uniti nel bene e nel male. Con un tacito accordo. Ci incontreremo per trascorrere più tempo solo per noi quando Calzino e Molletta saranno sufficientemente autonomi. 
Ho detto tempo perchè questa è la nostra parola chiave. Il tempo passa velocemente per me che devo gestire tutto da sola, mentre il marito, dopo vicessitudini varie, valigia in mano, ha tentato tutto e per tutto per regalarci un pò di serenità, fino al giorno in cui è riuscito a reinventarsi. 
Sono orgogliosa di lui, ma non ho avuto il tempo di dirglielo, ora che ci penso. Sono troppo concentrata ad abbaiare, molto spesso, non appena rientra. Ed è inutile sottolineare che quando pronuncia le fatidiche parole sono stanco, oppure non ho tempo, io mi trasformo in un rottwailler.
Oggi il meteo di casa Calzini e Mollette segnala che il tempo è sereno. Niente nubi all'orizzonte, il che vuol dire che i nanetti giocano, mentre la mamma scrive, e tutto è in ordine. Niente male direi. 

Nessun commento:

Posta un commento