giovedì 23 agosto 2012

Il sole,il mare il vento

Sento che rispetto all'estate scorsa, sono meno stressata del solito. Forse perchè anche se arrivo in spiaggia carica come un asino,  posso godermi la sedia, ogni tanto?! Forse. 
Ore 10.00:
Io e il marito scendiamo dalla macchina. Siamo due polipi.Grazie ai tentacoli riusciamo trascinare in spiaggia borse/sedie/secchielli/palette/ racchette/canottini/ombrellone. Il tragitto si percorre con Calzino in braccio. E' nella fase" mamma, ho paura, al km 10 ho avvistato una macchina".
Ore 10.15:
Fantozzi e la signora Pina piantano l'ombrellone.
Ore 10.20:
Calzino e Molletta decidono di fare il bagno prima ancora della spogliazione dei copristumi. Tocca alla mamma infilarsi completamente vestita in acqua per spalmare di crema i pupetti  tutt'uno con i pesci.
Ore 10.25:
Calzino e Molletta rifiutano i braccioli. Il diniego è accompagnato da pernacchie. Non ha visto nessuno,fiuuuuuuuu.
Ore 10.40:
mamma, papà, mangiamo il panino, la focaccia, la pasta al forno, la pizza, il gelato?Risposta: No, amori della mamma, quando arriva l'ora di pranzare facciamo uno spuntino, e poi gelato! Calzino e Molletta non gradiscono. Si passa ai lanci di sabbia, Le lenti a contatto ringraziano.
Ore 10.45:
La vicina di ombrellone guarda con aria complice: signora, come la capisco, ci siamo passate tutte.
Ore 11.00:
Stanchi di dighe e castelli, ci si tuffa in acqua. No io no in braccio, no tu no, io con la mamma, tu con papà.Interviene il vicino in ammollo: signori, come vi capisco, ci siamo passati anche noi.
Ore 11.05:
Pace.La famiglia è in ammollo. Sguardo complice tra moglie e marito. Se è quello che vogliono, restiamo qui, a galleggiare, fino a stasera.
Ore 11.15:
giochi senza frontiere con e senza canottino, in riva al mare.
Ore 12.00:
L'attenzione è tutto per un pupetto, mangia sabbia a chilate, sto per precipitarmi, la mamma mi fa un cenno dal suo lettino. A prenderlo è la tata filippina.
Ore 12:31:
la mamma stesa sul lettino mi osserva. Signora, come la capisco, ci siamo passate tutte.
La tata, nel frattempo, fa mangiare il  bimbo.
Ore 13.00/15.30:
Trenino gelato, trenino, fiordifragola e varie.
Ore 15.30:
Bagno.Relax.

















Ore 16.00:
Docce.Tutti in fila. Davanti a noi una signora che si strofina fino all'ultimo granello.Stia passando al lavaggio del pareo, vorrei passarle l'ammorbidente ma non ce l'ho.Dice: signora, come la capisco, ci siamo passati tutti.
Ore 17.00:
Casa. Ridoccia, lavaggi costume, lavatrice da scaricare, panni da stendere.
Ore 20.00:
Cena in giardino. Io voglio la pasta, no tu no la pasta, io la carne, no tu no la carne, io voglio il pesce, no questo è mio, no questo tuo è mio.
Marito: buono quello che ho cucinato, vero? Sono spalmata sul piatto. Dico: Si, molto buono.
Ore 21.00:
io dormo con papà, no tu no con papà, io dormo con papà e tu con la mamma, i denti li lavo prima io, lo spazzolino è mio, quello tuo è mio.Papà, andiamo a vedere l'aereo?
Ore 21.30:
do un occhiata al primo letto libero. Dormo. Come mi capisco.




2 commenti:

  1. Quindi anche con due è un delirio? SPeravo meglio per voi O_o

    RispondiElimina
  2. Mamma mia, sapessi l'anno scorso, ho fatto chilometri di spiaggia correndo come una pazza per stargli dietro, con la pancia che svolazzava di qua e di là:-DDDD

    RispondiElimina