sabato 8 settembre 2012

Donne in carriera e casalinghe. Chi lo fa strano?

Dice uno studio recente che le donne in carriera hanno una vita sessuale più intensa delle casalinghe. Dice, la ricerca inglese, che gli stimoli provenienti dall'ambiente lavorativo rendono le donne più predisposte a cogliere quelli erotici, quando arrivano. Dico che non ci volevano gli studi dell'acqua calda per renderci consapevoli di cotanta realtà. Ma gli studi servono a rafforzare quello che noi umili essere pensanti, a sentore, avvertiamo a prescindere dalle ricerche scientifiche, specie quando si tratta di maternità. 
Aggiungo per correttezza di informazione, che qualche casalinga in ascolto potrebbe pure dire: aho', ma che te stai a di' scienziato? Mo' te lo racconto io che succede mentre la lavatrice centrifuga!
Detto questo, mi faccio qualche domanda senza risposta.Siamo noi donne e mamme a marcare in maniera esasperata la differenza tra casalinghe e lavoratrici? O sono i media ad esasperare oltre il limite il confine esistente fra le due categorie? Ma poi, siamo davvero sicure di appartenere a due categorie che non si incontreranno mai? L'home manager è la donna che in assoluto riesce a conciliare tutto e per tutto, crogiolandosi nella sua insoddisfazione, nonchè frustrazione?
L'altro giorno su facebook leggo lo stato di una mamma che scrive: ah mamme, se pensate che io, lavoratrice, trascuri mio figlio, statevene a casa a fare le torte che è l'unica cosa che vi riesce.
Ok, ho capito.E' guerra aperta.

2 commenti:

  1. guerra aperta? mi sa di sì.
    Almeno da quello che percepisco io... mi sembra che ogni volta che si parla di mamme lavoratrici e mamme casalinghe la contrapposizione sia abbastanza netta. Io sono stata mamma lavoratrice e ora sono mamma casalinga per il motivo che mi era impossibile conciliare le due situazioni. Conosco quindi bene le due cose e so che essere mamma e lavorare può essere durissima.
    Il commento che hai riportato da Facebook mi sembra che voglia essere vagamente offensivo per quelle mamme che hanno fatto una scelta, condivisibile o meno. Poi non è detto che le mamme casalinghe non lavorino per disinteresse o perchè preferiscono fare le torte a casa: è sotto gli occhi di tutti che una donna con figli ha meno possibilità di trovare lavoro e in età matura questo diventa quasi impossibile... per non parlare di quelle lavoratrici che vengono allontanate dalle aziende con varie pressioni dopo essere diventate madri.

    RispondiElimina
  2. Marina, quanto hai ragione, siamo completamente d'accordo. E' proprio questo il punto, come facciamo a migliorare se l'argomento maternità continua a dividere le donne in categorie e a volte diventa tabù?..Anch'io come te ho avuto la stessa esperienza lavorativa!

    RispondiElimina